venerdì 9 settembre 2016

GESÙ RIVELA CHI SONO I SUOI APOSTOLI IN OGNI TEMPO!!!

GESU' STABILISCE COME 
IDENTIFICARE 
SUOI APOSTOLI IN OGNI TEMPO!!!



Vangelo Marco - 4,10-
10Quando poi furono da soli, quelli che erano intorno a lui insieme ai Dodici lo interrogavano sulle parabole.
Qui Gesù specifica a pochi le sue parabole, mentre ai molti fa un discorso generale, perché?
Il motivo è semplice perché vuole costringere i molti a recarsi ai pochi per comprendere la parola, per cui si comprende che Gesù non svela tutto a tutti; ma pochi sapranno interpretare la parola, e pochissimi conosceranno i segreti della stessa.
La specifica qui sotto, ha un senso ben preciso:
“ 11Ed egli diceva loro:
«A voi è stato dato il mistero del regno di Dio;” Gesù dice che gli apostoli e discepoli sono stati scelti da Lui perché fosse rivelato loro il mistero del Regno, cioè che lo hanno conosciuto, mediante il Figlio. Quindi solo i discepoli e apostoli conoscevano il mistero del Regno.
“ per quelli che sono fuori invece tutto avviene in parabole,” a coloro che non appartengo alla scelta fatta da Gesù, cioè il 12 apostoli e 72 discepoli e non hanno conosciuto cioè non hanno in se la conoscenza per comprendere il Regno di Dio, essi lo capiranno mediante le parabole, cioè mediante esempi.
“ 12 affinché guardino, sì, ma non vedano, “ 
Questa frase è molto enigmatica, fa capire qualcosa di particolare, le due parole avrebbero lo stesso senso, guardare e vedere, ma ne siamo proprio sicuri?
Vediamo di capire, guardare è un azione che noi facciamo con lo sguardo, infatti la parola guardare deriva da sguardo, cioè qualcosa fatto mediante l'uso e l'azione degli occhi, quindi il guardare è un azione meccanica fatta dalla mente mediante l'occhio che è il mezzo del guardare. 
Il guardare è l'azione dell'osservare, dello scrutare, dell'analizzare, si osserva una cosa e ne si deduce le caratteristiche questa è l'azione dell'osservazione quindi del guardare. ma il termine vedere cosa intende dire, perchè ad un analisi della parola vedere , apparentemente indica la stessa cosa del guardare, è un azione che si conduce sempre mediante l'uso dell'occhio, ma sarà vero che il vedere è uguale al guardare?
Qui però il Signore fa una distinzione tra il guardare azione meccanica e il vedere perché questa distinzione? Cos'è che non devono vedere? E cosa intende per vedere? Il suo vedere non è il nostro vedere, il suo vedere è il superare l'azione meccanica della mente, che osserva la realtà, che l'analizza, il Suo vedere ha un origine di natura soprannaturale, cioè praticamente Gesù dice che il vedere è inteso come il superamento della barriera del guardare, significa esattamente con vedere superare la soglia della percezione normale, quindi il vedere altro non è che l'estensione della capacità mentale nel  vedere oltre la soglia dei sensi umani, in pratica Gesù ha insegnato agli apostoli e discepoli come vedere oltre la soglia del guardare e dice, un cosa molto precisa, voi potete vedere, ma gli altri possono solo guardare, qui si comprende molto bene che Gesù limita l'azione delle persone normali, da coloro che sono eletti apostoli per mezzo e volontà Sua. In pratica Gesù ci fa capire che chi ha questa facoltà è un apostolo o un discepolo, perché tutti gli apostoli o discepoli secondo il suo sentire e la sua volontà dovevano saper vedere oltre la soglia, questo fatto è molto importante, per capire chi è veramente apostolo o discepolo e non tutti lo possono essere. 


 "per quelli che sono fuori invece tutto avviene in parabole, affinché guardino, sì, ma non vedano, 
Quelli che sono fuori cioè fuori dalla comunità degli Apostoli e discepoli, ma sopratutto che non hanno ricevuto il dono del vedere oltre il limite, non sono Apostoli, ecco che Cristo pone esattamente la modalità per capire chi siano i suoi apostoli in ogni tempo e come l'uomo comune li può distinguere.  Quindi non basta essere eletti o scelti per essere apostoli, bisogna aver in se il dono di vedere, oltre la soglia del guardare. Ovviamente per scelti si intende da cristo, non dalla Chiesa, che è diverso, anche se si può pensare che la scelta della chiesa dovrebbe essere simile alla scelta di Cristo, ma ciò non è, che lo fa capire proprio questo passo, perché se lo fosse uguale tutti coloro che diventano sacerdoti, quindi apostoli dovrebbero tutti e dico tutti avere questo dono del vedere oltre la soglia, ma questo non è se non in casi rarissimi e non per volontà della chiesa stessa, ma di Cristo. Infatti dire, per quelli che sono fuori, cioè fuori dalla comunità religiosa, essi comprendono mediante parabole, cioè con gli esempi, mentre gli altri che sono dentro dovrebbero comprendere senza parabole, perché hanno in loro il dono del vedere oltre il limite. Ma il termine vedere in realtà è estensibile anche all'udire e anche al comprendere, al sapere, alla scienza etc, il vedere è una parola che in pratica racchiude in se un senso molto più ampio, chi vede oltre il limite della realtà terrena, è in grado anche di sentire, è in grado anche di sapere, è in grado anche di conoscere quindi è in grado di poter attingere alla conoscenza di Dio, ovviamente tutto anche in questo caso va per gradi, perché non tutti sono uguali, e non tutti sono allo stesso livello, lo dimostra il fatto che anche tra gli apostoli, c'è una certa gradualità e una certa esperienza soprannaturale, infatti uno solo di loro, ha l'esperienza più intensa di tutti Giovanni Evangelista Ma non è detto che un altro possa avere un carisma diverso, sempre il vedere, ma intenso come conoscenza, vedere diviene conoscere il soprannaturale, saper spiegare la parola di Dio, è inteso anche questo come vedere, e cade tutto sotto la stessa azione del vedere. 


"affinché guardino, sì, ma non vedano, 
Il modo in cui la frase è espressa indica proprio un comando una volontà, una determinazione di cosa deve essere e di cosa non deve essere. In questa frase Gesù, ordina, comanda non solo agli apostoli, ma anche alle potenze dei cieli, cioè pone quanto va dicendo come un comando effettivo e duraturo nei secoli, un qualcosa che nessuno potrà superare, pone una regola.
Questo è il metro valutativo che Gesù stabilisce, per chi deve essere preso come apostolo e discepolo o come oggi diciamo sacerdote, . Quindi colui che ha e che dimostra più degli altri, in qualità e conoscenze soprannaturali e ha la capacità di veder lontano, oltre la soglia umana, sarà il primo tra gli apostoli, questo voleva dire Gesù, quindi chi dimostra una conoscenza superiore e sa spiegare il divenire, oltre che vederlo, è il primo degli apostoli, perché il metro valutativo giusto.

ascoltino, sì, ma non comprendano, “ idem è la stessa cosa, per coloro che ascoltano; come per coloro che vedono e non vedono, e coloro che vedono oltre la soglia, così ci sono coloro che ascoltano ma non comprendono perché non è dato loro comprendere, perché non sono apostoli di Gesù, per cui ci fa comprendere che chi è apostolo di Cristo, ha la facoltà oltre che vedere anche di capire comprendere oltre il limite, e più grande è questa sua capacità e maggiore sarà il suo posto tra gli apostoli.
Quindi colui che ha e che dimostra più degli altri, in qualità e conoscenze soprannaturali e ha la capacità di veder e percepire lontano, oltre la soglia umana, sarà il primo tra gli apostoli, questo voleva dire Gesù.
In base, a questo metro il più grande degli apostoli era Giovanni che era anche il più giovane. Forse però egli vedeva sentiva ma non tutto comprendeva. perché alcune cose, in quel tempo gli erano sconosciute
Pietro ancor meno, perché Egli vide la deità di Cristo, ma come gli altri apostoli era limitato nel comprendere la parola. 
Da questo comprendiamo che tutti coloro anche nel nostro tempo che dimostrano di vedere, sentire oltre la soglia non è detto che comprendano quello che ricevono, perché per comprendere oltre che vedere e sentire c'è bisogno di qualcosa di più, perché il conoscere oltre la soglia supera il vedere e il sentire, perché vedere e sentire è pur sempre un azione meccanica per quanto sia di natura soprannaturale, ma comprendere e conoscere e saper spiegare supera queste due condizioni. 
Quindi in questo caso abbiamo un gradualità, nell'essere discepolo e/o apostolo, potremo dire un grado d'importanza se vogliamo vederla così.

  1. Guardare, attività umana limitata alla realtà della materia.
  2. Vedere oltre la soglia, cioè osservare l'evolversi degli eventi, vedere un entità.
  3. Sentire oltre la soglia, cioè ascoltare la voce di Dio. 
  4. Comprende oltre la soglia, cioè capire quello che è il senso del parlare di Dio.
  5. Conoscere oltre la soglia, attingere dalla sapienza di Dio.
  6. L'essere Saggio oltre la soglia, questo è un aspetto tipico degli angeli e di taluni santi.
  7. La perfezione oltre la soglia, è di solo appannaggio di Dio, nessun essere umano arriva a ciò.

Vedere e Sentire , ci sono degli esempi, Fatima è uno di questi, dei tre pastorelli quello che non sentiva era Francesco, vedeva la manifestazione ma non sentiva, quindi lui era la primo grado, che è il più basso, mentre Lucia vedeva e sentiva.


perché non si convertano e venga loro perdonato».”
Cosa significa?
Indica che le genti non si devono convertire con facilità, perché altrimenti se tutte le genti, avessero la possibilità di comprendere o capire tutto, cioè di vedere e ascoltare oltre la soglia, la parola Santa, senza far alcune fatica, alcuno sforzo, sarebbe vano il perdono, per cui essi devono convertirsi sforzandosi, ad essere migliori cercando di superare la soglia e chiedendo perdono, allora lo otterranno.

13E disse loro: «Non capite questa parabola, e come potrete comprendere tutte le parabole?
Gesù osserva che gli apostoli e i discepoli non comprendono la parabola che gli diede, e si chiedeva loro come potevano fare a comprendere tutte quelle che Egli ha trasmesso loro. Ciò sta significare che non tutti gli apostoli e discepoli avevano la facoltà anche mentale di comprendere ciò che egli dicevaCioè, il loro grado di comprensione non era tale da capire, tutti gli insegnamenti. Questo ci fa capire molte cose, anche possibili errori da parte loro di comprensione e di trascrizione della parola stessa, si perché quando una persona non comprende il vero senso di quanto ascolta o recepisce che un altra gli trasmette, poi quando essa deve trascrivere quello che hai compreso, cosa trascrive se non comprendi? L'osservazione di Gesù è più che giusta! Cosa hanno scritto se non hanno intenso le parabole? L'unica possibilità che lo Spirito Santo abbia fatto in modo che loro riportassero esattamente i contenuti anche se non avevano intenso. Ed infatti è così, perché altrimenti non avrebbero riportato neppure questo pezzo.
Quindi Gesù si mostra preoccupato, perché non tutti gli apostoli comprendo il suo vero messaggio, anzi da quello che afferma pare proprio nessuno di essi compresero a fondo il messaggio di Cristo.
Giustamente afferma, come potete voi comprende le altre parabole se non comprendete questa!
Ma questo dire delle parabole fa comprende una cosa; sopra ha detto che solo coloro che comprendono senza l'uso della parabole sono veri apostoli, ma allora dobbiamo porci un pensiero, di che apostoli parla affettivamente?
Tra li apostoli stessi vi erano pochi che comprendevano un po la realtà di Cristo mentre altri non la comprendevano. Quindi pur essendo apostoli solo alcuni, possedevano i doni oltre la soglia, questo specifica ancora meglio, in maniera più dettagliata e precisa, che ci sarebbero stati sia apostoli che guardano ma non vedono e apostoli che vedono e sentono oltre la soglia. In questo caso Gesù ci mostra la sua capacità non solo di vedere oltre la soglia ma di sapere e conoscere il tempo futuro oltre la soglia, perché in questa frase finale si nasconde una profezia della chiesa futura attuale, che da quanto è nata, è formata sia da apostoli che guardano ma non vedono, da apostoli che vedono e sentono oltre la soglia e sono pochi.


Pensiamoci bene chi tra gli umani può vedere oltre la soglia?

Gli adulti difficilmente, a meno che il Signore non dia loro questa capacità, ma ciò deriva solo e solamente da volontà diretta di Dio.

Gli unici hanno questa disposizione naturale sono i bambini, essi per loro caratteristiche di purezza, candore, semplicità, umiltà, schiettezza, verità, etc sono coloro che vedono oltre la soglia almeno fin tanto che non vengono smaliziati, quando il mondo li smalizia perdono questa facoltà che è tipica dell'essere ingenui e quindi bambini. Ci sono degli adulti che nel loro crescere rimangono come bambini, cioè con una buona dose di ingenuità e questi sono portati ad essere un ricettacolo della divinità di Dio. Ecco spiegato perchè i bambini sono così tanto usati da Dio per comunicare con il mondo. Parliamo però di bambini non di ragazzi, perchè questo vedere oltre la soglia, è età dipendente, cioè potremo dire che l'età per essere smaliziati oggi è assai cresciuta tra le popolazioni industrializzate, ma anche tra quelle povere, diciamo che ci sono delle variabilità. Potremo dire che i bambini fino agli 7-8 anni sono ancora liberi da influssi eccessivi di malizia determinati dagli adulti, almeno per la nostra società moderna, anche se con l'introduzione di alcune leggi come il gender, sicuramente questo valore si abbasserà molto drasticamente ad un età quasi natale, forse 5-6 anni. In tempi più antichi, questo valore di età era nettamente superiore, anche fino a 12 anni, quindi la frequenza di bambini con doti soprannaturali era sicuramente superiore ad oggi, ecco il perchè oggi c'è un calo drastico dei sacerdoti, perchè queste doti o doni sono molto rari al giorno d'oggi.


Falsi maestri e falsi veggenti!
Ovviamente ciò ci fa comprendere anche una altra cosa, bisogna stare molto attenti, a non essere ingannati, perché anche satana ha i suoi emissari ed hanno facoltà particolari che potrebbero ingannare e apparire apostoli.


Ricordiamoci che l'anticristo per essere tale, dovrà sembrare prima di tutto un santo, quindi un apostolo, e lo sarà a tutti gli effetti, tanto da fare miracoli portentosi e ingannare anche gli eletti, cioè i veri apostoli, poi diverrà quello che è destinato essere.