giovedì 12 ottobre 2017

La Ruah: lezione a Radio Maria

TUTTI MI LEGGONO ANCHE I RELIGIOSI. 



Oggi pomeriggio alle ore 17 circa sono andato fuori per fare quattro compere, e in macchina come spesso faccio ascolto la radio, ho girato così per caso su radio Maria, stavo curiosamente pensando proprio allo Spirito Santo e toh mi capita questa trasmissione, chissà come mai, sono capitato su una lezione che parlavano di Ruah, cioè dello Spirito Santo, ebbene ascoltando quanto questo presentatore affermava, ho notato che costui deve avermi letto, perché le parole usate da esso come il termine ab eternum, com'è descritto nel sonetto rivelatore, che io ho interpretato, ovviamente chi fa questa descrizione non può riportare le mie parole altrimenti si fa plagio ma alcune parole per far capire si devono egualmente usare, inoltre la stessa tematica trattata era in rifermento alla femminilità della parola Ruah come appunto io stesso ho sempre asserito, infatti dice bene il commentatore che Gesù indicava lo Spirito Santo come La Ruah, al femminile e che poi i greci l'hanno tradotta la neutro per finire in italiano o meglio dire in latino al maschile, ma la parola originale in aramaico ed ebraico è al femminile e Gesù considerava lo Spirito Santo Donna, non maschio, come ho sempre detto, per cui si capisce che Radio Maria mia legge e non solo loro da quando molti mi testimoniano. Ascoltando poi la lezione devo però dire che il commentatore non ha saputo spiegare il senso vero convincere , anzi dire che ha sbagliato il senso, non era quello che Gesù intendeva. oltre alla tematica del cap. 13 di Giovanni riguardante lo spirito consolatore che qui ho trattato.  cap 14 giovanni  ed altri articoli sparsi nei miei blog. 








Quindi capisco bene che non solo mi leggono, ma anche mi studiano e come al solito non riportano di certo da chi prendono l'ispirazione, come sempre  queste cose dimostrano che c'è troppo orgoglio nelle persone per dire con umiltà non sono io l'artefice di tale intendere. 
Ma come dico sempre Dio sa, il problema è che la gente gli interessa solo il loro tornaconto e la gloria personale e quindi di chi abbia detto o scritto per primo non gliene frega un tubo di nulla, tanto perchè siamo cristiani e veri seguaci di Cristo, si con il binocolo. 

Da oggi riprendo la stesura di quello che stavo facendo, sto pensando se pubblicare il restante in un libro piuttosto che in rete, così non darò più da bere gratuitamente a quanti se ne sono approfittati e hanno ben mangiato sulle mie spalle, però vediamo. Anche perché alla fine io passo per un definente e loro per dei soloni, come sempre. Però come sempre poi Dio mi spinge a pubblicare quello che faccio perché anche lui sa che non avendo soldi per la pubblicazione non pubblicherei mai, per cui. Vedrò cosa farò.

Questa sera scriverò sullo Spirito Santo così chiarisco bene la questione definitivamente.