Informativa per il Pubblico

Google informa quanto segue, inoltre Ai gestori della rete Blogger di Google, io confermo tutto, solo che non so mettere mano al codice fatelo voi. °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°° "Il diritto dell'Unione Europea ti impone di informare i visitatori provenienti dall'UE sui cookie utilizzati e i dati raccolti sul tuo blog. In molti casi, le normative ti impongono anche di ottenerne il consenso. A titolo di cortesia, abbiamo aggiunto una nota al tuo blog per spiegare l'uso da parte di Google di determinati cookie di Blogger e Google, compresi i cookie Google Analytics e AdSense e altri dati raccolti da Google. Spetta a te confermare che questa nota sia effettivamente visualizzata sul tuo blog ed efficace. Se utilizzi altri cookie, ad esempio tramite l'aggiunta di funzioni di terze parti, questa nota potrebbe non essere sufficiente per te. Se includi funzionalità di altri provider, è possibile che vengano raccolti ulteriori dati sull'utente. Scopri di più su questa notifica e sulle tue responsabilità."

martedì 30 gennaio 2018

CHI DEVE ESSERE PIÙ AMATO?



CHI AMA IL PROPRIO PROSSIMO PIÙ DI DIO NON È DEGNO DI DIO!



Mat. 10,37 

"Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me;"


Vediamo cosa dice il passo, in sostanza Cristo ammonisce chiunque dal padre alla madre, dal figlio alla figlia, che costui/ei non deve amare costoro più di Cristo stesso, altrimenti non sono degni di Cristo, cioè di Dio. Ma il fatto che Gesù si soffermi al padre-madre-figlio-figlia, non significa che altre figure non ne sono contemplate perchè in realtà è esattamente l'opposto, Gesù si ferma proprio alle figure basilari della famiglia, perchè tutte le famiglie del mondo sono composte da queste figure, per cui Gesù non specifica altri soggetti, visto che tutti sono costituiti proprio da un nucleo famigliare e anche nella chiesa, c'è un padre e una madre, un figlio e una figlia, per cui il dire padre, sta ad indicare il sacerdote oltra che al padre naturale, la madre, sta ad indicare la suora, quindi si comprende bene che Cristo sta richiamando chiunque nel mondo a non amare più di Dio altri esseri umani, che siano genitori o preti, monarchi, o presidenti, vip o poveri, perchè tutti sono sul medesimo piano per Cristo, nessuno tra tutti questi deve essere amato più di Cristo-Dio.

Per cui quando noi poniamo il pontificie prima di Cristo sappiamo già in quale peccato stiamo incorrendo e stiamo facendo. Questo ci fa capire che chi afferma, che prima viene il pontefice prima di Cristo, sta sbagliando ed insegna cose errate, sapendo anche magari d'insegnarle. Quindi prima si ama Dio e poi si mette tutti gli altri dopo, considerando che Cristo valuta tutti alla stessa stregua e non c'è un primo ne un ultimo, ma tutti sono egualmente il mio/vostro prossimo. Questo concetto Gesù lo chiarisce, anche quando gli apostoli litigano, per stabilire chi tra di loro è il primo o il più importante e Cristo afferma che nessuno di loro è il più grande, per altro questo passo che ho trattato in altro articolo va in netta contrapposizione con l'elezione di Pietro, per cui pare molto strano che Cristo cambi idea sul suo parlare, perché prima decide che nessuno tra di loro è il primo e poi curiosamente decide il contrario, questo non è nel modo di parlare e decidere le cose di Gesù, anche perché tutto il testo dei vangeli esprime essattamente sempre il medesimo concetto, nessuno è primo, nessuno è ultimo e il primo è colui che torna ad essere come bambino cioè candido, puro, vergine, ecco il primo.

Idem quando si chiede ad un subalterno in ambito religioso o anche credenti, di porre Il pontefice prima di Cristo, chi fa questo sta in pratica affermando che il pontificie è più di Cristo, se ne guardi bene da quanto va spargendo.

Ora vediamo cosa ci dice Cristo ancora.

Marco 12,28-33 
28... «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». 29 Gesù rispose: «Il primo è: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l'unico Signore; 30 amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuorecon tutta la tua mente e con tutta la tua forza. 31 E il secondo è questo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c'è altro comandamento più importante di questi». 32 Allora lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità che Egli è unico e non v'è altri all'infuori di lui;33 amarlo con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la forzaamare il prossimo come se stesso val più di tutti gli olocausti e i sacrifici»”

Questa parabola di Gesù sembrebbe in contrapposizione con quella precedente, invece non è così, chiediamoci chi è il prossimo?

"Amerai il prossimo tuo come te stesso" dice come te stesso, non dice come Dio, questo fa capire che distingue il prossimo da Dio e pone sempre Dio per primo anche innanzi al prossimo. Gesù in questo modo fa capire che il prossimo non è Dio, ma solo l'essere umano, cioè un essere pari agli altri esseri umani.

Così fa distinzione tra Dio e il l'essere umano, e ci fa capire che per Gesù il prossimo altro non è che lo stesso essere umano, non sta parlando di Dio, ma solo di un altro essere umano nostro pari, che è simile a noi, non inteso come grado o titolo, ma come essere umano senza titoli e senza caste, potremo dire al nudo.  Questo perchè se avesse espresso il concetto in modo diverso esso sarebbe andato in contrapposizione con il precedente brano posto sopra Mat.10,37, ma dato che Gesù sa ben usare le parole e pone come prossimo inteso come essere umano, perchè Gesù non ha un prossimo verso se stesso, dato che Egli è Dio, per cui non esiste un prossimo per Lui. Per cui fa questa distinzione come dire voi siete esseri umani, io non sono un essere umano, ma vi do la mia legge, che se volete seguirmi voi dovete adottare e mettere in pratica, ecco perchè usa il termine prossimo, è inteso solo verso l'essere umano, non verso Dio. 
Qui invece i teologi e gli esegeti hanno fatto un tantino di confusione credendo che il prossimo fosse anche inteso e compreso Dio, nulla di più sbagliato, questa è una legge fatta solo per gli esseri umani, non per gli "dei" o per gli esserei gloriosi. 

Quindi il prossimo è inteso solo come essere umano nel suo insieme, cioè chiunque dal piccolo al grande, dal povero al ricco, dal indemoniato al santo. 
Quindi noi credenti cristiani, dovremo amare il nostro prossimo come noi stessi, ma nel passo sovrastante Mat 10,37 Gesù afferma che prima del prossimo viene sempre Dio. Per cui abbiamo una graduatoria, prima Dio e poi il prossimo; di cui questo prossimo è composto da vari soggetti senza nessuna catalogazione tra di loro, senza nessun grado, non esistono livelli, infatti nel passo dove afferma che egli ha più madri e più sorelle indica questo, che per lui non esiste un primo o un secondo che tutti gli apostoli sono eguali innanzi a Lui, che tutti gli uomini della terra sono uguali innanzi a Dio. Ma sempre Dio viene per primo, sempre l'uomo deve porre Dio innanzi a tutti, che l'uomo deve amare più di Dio del prossimo. 

Questo fattore, per secoli non è andato giù a certa chiesa, che si è sentita defraudata di un potere soprannaturale, che con queste parole Dio toglieva ad esso un potere terreno tra gli uomini, per cui si sono auto elevati ad una dignità che nessuno diede loro, molto spesso facendo credere alla popolazione che prima viene il Pontefice e poi Cristo. Ovviamente questo aspetto è stato accentuato dal fatto che gli uomini di chiesa hanno voluto, volutamente abbassare Cristo dalla sua posizione di deità, a semplice essere umano, come anche Bergoglio in questi anni ha espresso, come un semplice diacono a parer suo, io dico poveretto lui,  per cui riducendo Cristo a non più, un Dio, ma ad un semplice essere umano e considerandolo come tale, quindi svestito della sua regalità divina, diviene inferiore al pontefice stesso, è questa l'idea malsana di questa teologia demoniaca, che invece di insegnare la giusta correzione ha insegnato il timor del pontefice e non il timor di Dio. Per cui tutti come pecore a pensare che del pontefice si deve aver paura, come se esso stesso fosse un Dio più di Cristo, ridotto al nulla. Ecco perchè nei secoli scorsi vari soggetti anche di elevata santità ebbero timore del pontefice, tanto da opporsi anche alla volontà di Cristo stesso e negare a Lui, la volontà sul mondo; da quanto terrore avevano verso il pontefice o verso qualsiasi vescovo, così questa idea è stata perpetrata per secoli nella mente della popolazione, che ancora oggi teme un pontefice anziché temere la condanna di Dio e del Suo Cristo che è sempre Dio.

Sbagliato è anche il pensiero che dice che noi umani(prossimo), non dovremo richiamare il pontefice, sbagliato perchè Cristo ci insegna la giusta correzione e tale norma vale per tutti, anche il pontefice è il mio prossimo quindi soggetto a questa correzzione, essendo esso un essere umano e non un Dio, anche se lo rappresenta ma sempre essere umano è. Quando l'essere umano eletto a pontefice dimostrarà di essere come Dio, allora potremo dire che lo è, ma fintanto che non lo dimostra esso stesso è solo un mio prossimo, per quanto io riconosca in lui, l'autorità della chiesa terrena, ma non cerntamente il rappresentante di quella eterna, che è solo e solamente Dio, infatti nulla un pontefice vescovo o prete che sia può disporre di un anima, visto che le anime sono solo ed esclusivamente di proprietà di Dio solo Dio può disporre per loro.

Quindi un pontefice, come tale deve essere corretto se il suo parlare e il suo agire esce dalla dottrina di Cristo, non dalla dottrina imposta dalla teologia della chiesa degli uomini, perchè i teologi potrebbe aver impostato delle cose che Cristo non ha mai detto ne pensato. Quindi stiamo attenti a non elevare un pontefice sul trono di Dio. Spesso si sente dire che il pontefice si deve relazione con Dio, ma cosa ne sappiamo noi se il pontefice parla con Dio? Taluni affermano che il relazionarsi con Dio dovrebbe essere un problema personale del pontefice e non nessuno di noi dovrebbe sentenziare su questo, ne porsi interrogativo se quanto esso fa, lo decide con la sua testa o mediante il pensiero di Dio. Questo genere di pensiero o parlare dimostra menefreghismo, come dire cosa vuoi che mi competa sapere se parla o no con Dio, se ciò che decide viene da Dio o meno. Ma questa è una grave mancanza di fede, proprio verso Dio.

Inoltre l'uomo che venisse vagliato per essere scelto a custode della chiesa, dovrebbe dimostrare di essere veramente di Dio, provando la sua santità, saggezza, sapienza e giustizia, se in un pontefice mancano queste cose, esso non dovrebbe essere neppure scelto. Ma come vediamo in tanti secoli che l'uomo spesso a fatto quello che ha voluto, ponendo al soglio pontificio, vescovi contro la volontà di Dio stesso.
Quindi non possiamo affermare che lo Spirito Santo sceglie chi egli vuole, perchè lo S.Santo senza ombra di dubbio sceglierebbe sempre il meglio per il mondo, ma dato che Dio lascia libero l'uomo anche in queste decisioni, lo Spirito Santo non è colpevole di nulla. Certamente non è Dio a voler nella chiesa pontefici che hanno prodotto danni a se stessa nel corso della sua storia, e quindi direttamente alle anime; per cui chi afferma che lo Spirito Santo è responsabile di eleggere il pontefice che egli vuole per quel tempo, è un imbecille perchè in realtà sta bestemmiando lo Spirito Santo, senza neppure saper quel che dice (inoltre per i veggenti dimostrerebbe che codesti non sono tali).

Dio mai vuole male a nessun uomo, tanto meno alla sua Chiesa per cui chi elegge il pontefice è solo e solamente volontà umana, e se Dio trova il sistema per mettere chi Egli vuole, lo fa senza far saper nulla a nessuno, sempre in segreto. Per cui affermare che è lo Spirito Santo a far eleggere un pontefice meglio mangiarsi la lingua mille volte, pur di condannarsi da soli. Facciamo attenzione a quanto affermiamo perché non saranno gli altri a pagare ma noi stessi anche per gli altri che abbiamo portato fuori strada. Come la parabola del cielo, che porta altri ciechi nel burrone. 


Vi sono molte altre espressioni nei vangeli che indicano sempre lo stesso argomento del prossimo, esempio anche questa: "amatevi gli uni e gli altri.." ha lo stesso senso del prossimo tuo.

Invece qualcuno furbescamente fa scrive queste cose, per far credere a cose errate, come questa immagine dimostra. 
Qualcuno di proposito da come si legge vuol far credere che Dio e il prossimo devono essere amati nello stesso modo, ma la legge di Dio espressa sia dal Padre che dal Figlio dice esattamente il contrario.